Una nuova formulazione delle tariffe civili ed industriali intende omogenizzare, semplificare e razionalizzare su scala nazionale la struttura dei corrispettivi.
Nov 22, 2018

Cos’è il TICSI 
L'Autorità di Regolazione per l'Energia Reti e Ambiente (ARERA) ha introdotto una nuova formulazione delle tariffe civili e industriali per il 2018 applicata agli utenti del servizio indrico integrato.

Il Testo integrato corrispettivi servizi idrici (TICSI), relativo alla Delibera del 28 settembre 2017 665/2017/R/idr, intende omogeneizzare, semplificare e razionalizzare su scala nazionale la struttura dei corrispettivi.

Le tariffe coinvolte si riferiscono alle utenze domestiche, agli usi diversi dal domestico e alla tariffa di collettamento e depurazione dei reflui industriali autorizzati allo scarico in pubblica fognatura. Queste dovranno essere elaborate dagli enti di governo d'ambito (EGA), con procedura partecipata dai gestori.

Chi deve adeguarsi 
Le aziende di gestione del servizio idrico integrato.  

Cosa fare per adeguarsi
Il primo passo è quello di uniformare la struttura dei corrispettivi allo standard delle tipologie d’uso previste dall’Autorità.

Nello specifico, i gestori dovranno distinguere le utenze domestiche da quelle non domestiche e comunicare a tutti i propri utenti le nuove modalità di bollettazione, definire i corrispettivi per il servizio di collettamento e depurazione per le utenze non domestiche e determinare quali sono le attività produttive con consumi massivi e con scarichi in fogna inquinanti.

Inoltre, entro il 2022 dovranno essere comunicati nella loro completezza i dati relativi ai componenti di ogni nucleo familiare.

Cosa può fare SDG Group per la tua azienda 
Proponiamo uno starter-kit che consente di simulare differenti scenari di ricavo atteso in seguito all’adozione dell’articolazione tariffaria prevista dalla delibera 665-17. Lo strumento consente di caricare i dati storici sia direttamente dai sistemi gestionali che da file (csv, Excel) e di gestire l’adeguamento alla nuova struttura dei corrispettivi. Tale operazione passa dall’associazione delle vecchie tipologie d’uso a quelle previste dalla delibera.

Il tool è suddiviso in due differenti aree di lavoro: 

  1. utenti civili: gestione dei servizi di acquedotto, fognatura e depurazione e il solo servizio di acquedotto per gli utenti industriali in pubblica fognatura; 
  2. utenti industriali: gestione dei ricavi attinenti a depurazione e fognatura considerando i volumi di scarico e autorizzati a livello di singola utenza e la concentrazione degli inquinanti.

Al termine della simulazione viene effettuata una verifica del rispetto dei vincoli finali di iso-ricavo (vincolo ex-ante e vincolo ex-post). Qualora il vincolo non fosse rispettato è possibile modificare semplicemente i parametri che influiscono l’articolazione tariffaria e simulare nuovamente il risultato. Questo processo va avanti fintantoché il rispetto del vincolo ex-ante non viene raggiunto.

Un dashboard permette di esplorare i risultati delle simulazioni in modo intuitivo e immediato.

Articoli correlatiIl piano economico finanziario per i gestori del servizio idrico integrato | Unbundling | MTI-2