Obiettivo di un fisico nucleare è fare ricerca. “E a me piaceva molto”, racconta Giuseppe Pastore, che ha fatto una tesi sui rivelatori di particelle per entrare, con il PhD, in un progetto europeo: dovevano costruire un rivelatore di particelle per reazioni nucleari. Finito il dottorato, Giuseppe ha vinto il bando per un assegno di ricerca. Ma nel giro di un giorno ha cambiato idea. “Avevo lasciato aperte tutte le porte, ho partecipato a un career day. L’azienda ha fatto una proposta convincente. Invece, i professori non riescono a dare una prospettiva di lungo periodo”. Alla SDG, multinazionale con 200 consulting nella Business Intelligence, Giuseppe lavora per diversi settori, dal banking al fashion. “Il bagaglio acquisito nel dottorato mi dà una marcia in più: appena si parla di una nuova tecnologia, mi metto a studiarla e la condivido con i colleghi”.
 

corriere

 

Jul 29, 2019